28 Dic

Buon anno 2016

Buona fine dell’anno a tutti gli artisti, perché se i lavoratori e gli artigiani sanno sempre fare i loro resoconti in termini economici o di avanzamento di carriera, per gli artisti questo è un periodo di fragilità: l’unica cosa che resta da fare rimane un ringraziamento e un appello all’ispirazione.

(Se gli altri non ci hanno capito quest’anno, ci capiranno l’anno prossimo).

Soprattutto buon 2016!!!

Buon anno nuovo 2016

3 thoughts on “Buon anno 2016

  1. Io rimango sempre affascinato dal lavoro degli artigiani e anche un lavoratore di qualunque campo può migliorarci l’esistenza, dal dottore che ci salva la vita all’impiegato delle poste che inaspettatamente ci sorride. Certo, chi scrive una poesia ci apre gli occhi sul mondo trasformando le parole in musica: compie quasi un miracolo. Ma come si fa a fare bene una cosa qualsiasi senza cuore? Quindi: buon anno a te e buon anno a tutti – anche a quelli che non sono poeti.

  2. Certo, un medico senza cuore andrebbe direttamente denunciato. Diciamo che gli “artisti”, almeno agli inizi, devono fare i conti con l’assenza di stipendio, cosa che rende tutto molto complicato e si sa che i poeti in particolare muoiono sempre senza soldi. Comunque sì, è auspicabile che ognuno faccia il suo lavoro con Amore. Sicuramente i poeti e gli scrittori mettono a nudo quello che sono e che pensano più dei lavoratori e degli artigiani, almeno è quello che credo. Buon anno!

  3. Mi hai fatto riflettere. Hai ragione, è rarissimo che un poeta viva della sua poesia e per un artista in generale gli introiti non sono un mare di denaro, né un lungo fiume tranquillo, ma un torrente talvolta impetuoso, più spesso ridotto a un rigagnolo, o a nulla. In questa fine d’anno particolarmente secca, aspettiamo la pioggia (verrà, verrà) e per tutti gli artisti, una nevicata di ispirazione e forse (almeno qualche bel fiocco) di denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *