22 Giu

La favola dei figli dei fiori. 2° pagina

(Segue da pagina precedente).

favola-figli_fioriGli Stati Uniti a parole erano facili da combattere, e il Vietnam a parole era così facile da difendere, mentre a Milano, a San Siro, l’Inter si scontrava con la Lazio senza riportare nessun risultato ma raccogliendo circa 45.000 spettatori, per un totale di 39.350.500 lire. A Firenze si ascoltava, a Milano si guardava, in entrambi i casi si applaudiva, ci si arrabbiava e ci si stringeva forte. Il sole splendeva un po’ dappertutto, specialmente sui giovani, che quando sono felici vincono sempre, anche se il vento scompiglia i capelli e i pensieri.

Paolo VI nel suo Angelus a Regina Coeli quella domenica implorò di pregare “la Madonna del buon volere”, ringraziando chi aveva recepito la “parola di speranza, di fratellanza e di pace” dell’Enciclica sullo sviluppo dei popoli, in un “mondo ancora tanto sofferente e diviso”. Il Papa sentiva la percezione di nuove coscienze in giro, coscienze che si stavano riattivando ma per scegliere la luce, disse, c’era bisogno di grande generosità.

Davanti al discorso di Franco Fortini, alcuni manifestanti si misero a borbottare. Tu, che eri passata a vedere, pensasti che fosse brillante la sua teoria, ma altri erano convinti di non fare parte dell’ideologia statunitense: se aspiravano ad altro erano automaticamente altro. Il terrore di potersi immedesimare negli invasori capitalisti e spietati paralizzava la loro capacità di comprendere e salvaguardava le loro coscienze.

Fortini non era d’accordo con gli U.S.A. però sapeva di farne parte. E nel suo discorso fece intendere che i vietnamiti erano per certi versi più fortunati degli italiani, perché almeno si ribellavano! Questo infastidì parecchio vari giovani militanti.

A scuola, il mercoledì dopo il ponte, la tua compagna di classe Monica arrivò con un favola figli fioripiccolo volume di poesie in mano, Foglio di via e altri versi, preso dalla biblioteca di suo padre. Leggesti alcuni passi da quel libro di Fortini a ricreazione. Lei non era stata al corteo ma ne sapevano qualcosa i suoi genitori, informati da certi giornali, e allora scopristi che la manifestazione era stata organizzata dall’UGI, l’Unione Goliardica Italiana, e che il comizio finale – te l’eri perso per rispettare l’orario di rientro a casa – era stato pronunciato dal giornalista Lelio Basso, uno che ci capiva, si diceva.

(Continua…)

Ornella Spagnulo

22 Giu

La favola dei figli dei fiori – incipit

la favola dei figli dei fiori Ornella Spagnulo

Nel 1967, Oriana, avevi quindici pericolosissimi anni e frequentavi la IV ginnasio del liceo più fascista della città. Avevi la sensazione che tua madre ti zittisse sempre e che tuo padre ti lasciasse parlare solo per dirottare le opinioni su quello che il sistema faceva credere a tutti. Lui si fidava delle leggi e dello Stato. E tu detestavi non avere argomenti validi per ribattere. A tavola, quindi, stavi spesso in silenzio. Eri una sognatrice e volevi costruirti un’identità, ma dentro casa, a quindici anni, non ti sentivi libera di essere te stessa. Fuori, invece, quell’anno il mondo era una giostra e dovevi solo saltare al momento giusto per sederti su uno dei seggiolini e farti trasportare dal vento.

All’inizio eri indecisa. Il cambiamento ti prese piano piano. A Firenze, il 23 aprile del ’67 il poeta e scrittore Franco Fortini, che tu, Oriana, non avevi mai letto ma sembrava consapevole delle circostanze più di altri intellettuali ‘borghesi’, parlò a piazza Strozzi in occasione della manifestazione nazionale antimperialista contro la guerra in Vietnam, leggendo da un canovaccio che aveva preparato:

“Quando gli Stati Uniti producono la metà di tutto quello che il mondo produce, quando la metà di quel che mangiamo, leggiamo, impariamo è prodotto direttamente o indirettamente dalla potenza economica e industriale degli Stati Uniti, questo significa che noi siamo per metà americani e che dobbiamo non solo saperlo ma accettarlo, perché è un modo per dire che siamo cittadini di quel mondo che dall’interno del capitale si dibatte contro il capitale.

Attraverso la politica della nostra classe politica e quella della nostra stessa classe industriale, attraverso il regime della produzione e dei consumi e i criteri del profitto, come attraverso le strutture ideologiche, noi siamo già Stati Uniti”.
Parole di verità dette da uno che aveva studiato sul serio. I ragazzi le approvarono con grida, applausi e cori da stadio, togliendosi le scarpe per manifestare meglio a piedi nudi. La piazza di cemento sembrò quindi piena di piante dalle foglie verdi: le speranze dei giovani, i ramoscelli, gli uomini e le donne di domani.

(Continua…)

Ornella Spagnulo

 

06 Giu

’68: il sesso libero. Considerazioni alla luce dello status quo 50 anni dopo…

Quello che da molti è considerato l’apice del movimento hippie – e che di fatto è l’unico obiettivo dei giovani sessantottini a essere stato raggiunto su scala industriale – è la liberalizzazione sessuale nelle sue varie forme. Ma il problema non è il moralismo.

Una situazione simile è spia e causa di un’impossibilità di vivere una relazione affettiva piena. Il fatto che il sesso sia a portata di mano senza nessun problema non aiuta, toglie tempo, energie. L’amore libero, che in teoria è bello perché toglie lo stigma all’eros, priva l’amore della sua essenza: pensiamo a Platone. Due persone ne formano una. Fin da quando gli uomini hanno iniziato a comportarsi non più come animali ma come esseri pensanti  l’aspirazione comune è stata questa. Tutti lavoravano in quella direzione. In questo, i sessantottini invece di guardare avanti sono tornati indietro. Lo stigma all’eros si può togliere all’interno della coppia, non in rapporti occasionali, che lo aumentano.

Alla società così sono mancate le basi. La società, per non dire lo stato, si dovrebbe basare sull’amore: è già difficile, faticoso, riuscire ad amare una persona sola. Queste sono solo le mie riflessioni ovviamente. Conosco tanti amici che difendono le loro perversioni, solitudini e precarietà esistenziali dicendo che l’amore non esiste.

Non è libertà l’amore, l’amore è eterna schiavitù.

sessantotto-amore-libero

Questo è il vero amore libero. Due anime. Una sola. Dato che è difficile incontrarlo le persone hanno imparato a consumarsi con grande libertà.

01 Giu

Il 1968 delle canzoni. Fabrizio De André

Fabrizio De André, anarchico e pacifista, fu uno dei migliori cantautori che l’Italia ebbe in quegli anni. Ma la musica – e soprattutto le parole – di De André vibrano ancora nell’aria. Suo figlio Cristiano porta in giro con amore le canzoni del padre per i palchi di città e paesi italiani.

Forse Fabrizio De André dovrebbe essere considerato un poeta. Ricordiamo che la poesia, alle origini, è nata proprio insieme alla musica. Ma alcuni “puristi” vogliono tenere le cose separate. Non è questo che importa. La sostanza sono le parole in versi, cantate con dolcezza, che si possono leggere a mente, recitare o cantare.

De André, accompagnato da una chitarra e con una voce intonata e calda, cantava, dopo averle scritte, parole che sollevavano questioni, facevano domande, rimescolavano giudizi e pregiudizi. Parole di spirito, a volte inserite nel tempo, nel suo tempo, a volte indietro nella storia, altre volte sopra la storia.

Nel ’68 uscì Tutti morimmo a stento, scritto proprio insieme a un poeta, Riccardo Mannerini. Includeva canzoni come il Cantico dei drogati, la Leggenda di Natale, il Recitativo (Due invocazioni e un atto d’accusa).

Vi invito all’ascolto di quest’ultimo.

“Non cercare la felicità
in tutti quelli a cui tu
hai donato
per avere un compenso
ma solo in te
nel tuo cuore
se tu avrai donato
solo per pietà”.

Fabrizio De André