settembre 5

Madre Teresa di Calcutta

Santa Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta è stata proclamata Santa da Papa Francesco il 4 settembre del 2016.
Veniva da Skopje, da una famiglia ricca. Quando suo padre morì si ritrovarono nella miseria. E a diciott’anni chiese di diventare suora.
Nel tempo della formazione lavorò come aiuto-infermiera. Presi i voti, si trasferì in India. Insegnò storia e geografia in un collegio. Ma nel ’46 qualcosa cambiò: gli scontri violenti tra frazioni indipendentiste di Calcutta le fecero capire che non poteva stare tranquilla nella sua congregazione, ma doveva servire i poveri.
Ci vollero due anni per avere i permessi giusti. Poi il Vaticano approvò e Teresa poté andare a vivere sola nella periferia di Calcutta: il suo sogno. Da una capanna cominciò ad assistere i bambini e insegnare. Dei volontari l’aiutarono a distribuire da mangiare e a insegnare regole base di alimentazione e sanità. Un collaboratore le concesse una casa: lei decise di riservare una stanza a malati e moribondi. Fondò la congregazione delle Missionarie della Carità nel 1950. La loro missione era occuparsi di tutte le persone che si sentivano non volute dalla società. La congregazione visse secondo gli ideali di umiltà di San Francesco e l’ordine ammetteva al suo interno anche persone laiche.

Come uniforme scelse un semplice sari bianco a strisce azzurre. Curava insieme alle sue consorelle i malati rifiutati dagli ospedali e li assisteva anche negli ultimi giorni di agonia rispettando le loro religioni: ai musulmani leggeva il Corano, agli indù dava acqua del Gange e i cattolici ricevevano l’estrema unzione! Aprì un centro per i malati di lebbra – “Non ci sono lebbrosi, solo la lebbra, e si può curare” -.

1979: premio Nobel per la pace. Chiese che i 6000 dollari previsti per il banchetto fossero dati ai poveri di Calcutta. Ebbe un infarto nel 1989. Poi si ammalò di polmonite e di malaria e morì il 5 settembre a 87 anni.

Santa Teresa di Calcutta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *