02 Ott

L’esatto contrario di Perrone. Appena finito di leggere e…

L'esatto contrario perrone

Non avevo mai letto gialli o noir perché quella leggera ansia che ti prende quando sei davanti a una scena di sangue e devi capire chi è l’assassino resta in quella minuscola parte di mondo di cui non voglio sapere niente. La mia sensibilità è troppo forte e come una bambina non so fare una grande distinzione tra mondo e finzione.
L’esatto contrario di Giulio Perrone ho iniziato a leggerlo solo dopo avere ricevuto rassicurazioni da parte dei miei più stretti familiari (a cui, come spesso faccio, avevo commissionato la prima lettura, perché non riesco ancora a leggere più di 3 libri per volta. Anzi, in questo caso, il romanzo l’avevo proprio regalato a mio padre per l’onomastico). Da assoluta profana, non potrei dire se il libro si inserisce all’interno del suo genere con innovazioni o seguendo la tradizione. Quello che posso dire invece è che L’esatto contrario, al di là della presenza di omicidi e incognite, mi sembra un romanzo e non romanzo di genere. Nella mia naturale paura della paura ho avuto sempre qualcosa a cui aggrapparmi, in queste pagine: il protagonista, il protagonista e i personaggi che conosce, il protagonista e la sua sfera di affetti e di difetti che ho sentito vicina, schietta e autentica. Mentre cerca di risolvere certi inquietanti misteri, di cui siamo spesso informati nei tg e nei giornali (e io mi chiedo ancora: perché?), Riccardo fa luce nel suo garbuglio tipico della nostra giovinezza e per prima cosa pensa, decide, sbaglia, agisce, in poche parole: vive.

E così, L’esatto contrario è un libro per tutti, che vi piacciano i misteri o che siate interessati alla narrativa. Una conferma della legge del Karma: se fai del bene, del bene ti ritornerà. Giulio Perrone è da anni un punto di riferimento per l’editoria romana. Dal 2005 infatti realizza con costanza sogni di scrittori e di lettori. La domanda che mi faccio, ora, a caldo, è: il prossimo sarà sempre un “noir” oppure no?

Ornella Spagnulo

Appena finito di leggere e… è una rubrica che segnala libri classici o contemporanei. Non è una recensione ma solo un breve resoconto delle sensazioni provate durante la lettura.